Copia della Madonna di Foligno

Bartolomei Enrico
<br/>Copia della Madonna di Foligno

Firmata e datata (1838), l’opera venne realizzata dal pittore folignate Enrico Bartolomei come saggio del suo apprendistato presso la scuola di Vincenzo Camuccini a Roma. È copia della celebre Madonna di Foligno di Raffaello, commissionata nel 1511 dall’umanista folignate Sigismondo de’ Conti per l’altare maggiore della chiesa di Santa Maria in Aracoeli a Roma in segno di ringraziamento alla Vergine per aver salvato da un fulmine la propria casa di Foligno, episodio rievocato nell’inserto di paesaggio sullo sfondo. Nel 1565 il dipinto originale di Raffaello era passato al monastero delle Contesse di Foligno. Requisito dai Francesi nel 1797, nel 1816 venne restituito all’Italia e collocato nella Pinacoteca Vaticana. Bartolomei aveva proposto l’acquisto della sua tela al municipio di Foligno, anche a seguito del mancato rientro in città dell’originale di Raffaello. L’opera rimase nello studio del pittore, e nel 1864 il Bragazzi che la vide, caldeggiò nuovamente l’acquisto da parte del Comune descrivendola cosi “è di tale vivezza e precisione che gareggia con l’originale”. Nel 1868 l’opera fu acquistata ad un prezzo di 5.000 lire. Lo stesso Bartolomei racconta di aver ricevuto offerte vantaggiose da numerosi collezionisti stranieri ma di aver avuto “estrema reticenza nel lasciarlo emigrare dal suolo italiano...”.

Museo della città di Palazzo Trinci Piazza della Repubblica Foligno PG Italia >>